Vellutate bianche

Quattro Vellutate bianche a base di verdure, salutari e appetitose. Ideali per un finger food (servite in piccoli bicchierini) o per un raffinato primo piatto d’apertura. Pensate anche per le imminenti feste di Natale. Scelta delle verdure: le cime di cavolfiore devono essere serrate, avere la superficie uniforme, non devono esserci germogli verdi tra le infiorescenze della testa. Le foglie devono essere dure e spezzarsi, se piegate. Consiglio di pre-cuocere le verdure: assicuratevi di lasciarle precedentemente a bagno per circa 30 minuti, in poca acqua acidulata con limone o aceto, poi sciacquatele con acqua fredda. Questo manterrà intatto il loro colore. Se non sopportate l’odore sgradevole che accompagna la preparazione di broccoli e cavolfiori, cuoceteli insieme a un pezzo di pane secco. Le vostre vellutate saranno ancor più apprezzate se servite con un contrasto croccante: frutta secca tostata, pane bruscato etc. daranno il tocco finale a questi piatti straordinariamente buoni.

Vellutata di rape e patate

  • Mettete in una casseruola un filo d’olio e fate rosolare rape e patate a tocchetti.
  • Sfumate con acqua o brodo vegetale e portate a cottura.
  • Regolate di sale.
  • Frullate e passate al colino fine.
  • Servite con nocciole tostate brevemente in padella, senza aggiungere condimenti.
  • Finite con olio e rosmarino.

Vellutata di porri e cavolfiore all’orientale

  • Fate rosolare le verdure in un cucchiaino di burro chiarificato.
  • Portate a cottura con metà acqua e metà latte di cocco.
  • Frullate e passate al colino fine.
  • Servite con pepe bianco ed erba cipollina.

 

Vellutata di cavolfiori, vongole e broccoli

  • Lavate le vongole e ponetele a spurgare in acqua leggermente salata per 2/3 ore, conservandole in frigo.
  • Lavatele nuovamente.
  • Pulite e tritate uno scalogno; fatelo appassire in una noce di burro e un filetto d’acciuga per 2 minuti.
  • Unite i cavolfiori mondati e lavati e bagnate con acqua.
  • Coprite e cuocete per 15 minuti.
  • Salate, frullate e passate al colino fine.
  • Sbollentate i broccoli per circa 3 minuti.
  • Raffreddate in acqua gelata, sgocciolate e asciugate.
  • Rosolate uno spicchio d’aglio con un po’ di olio.
  • Unite le vongole, coprite e cuocete per 2 minuti.
  • Intiepidite, eliminate i gusci e filtrate il liquido di cottura.
  • Mescolate la crema tiepida, completata con l’acqua di cottura delle vongole, le vongole, i broccoli e un filo di olio a crudo.
  • Servite con crostini di pane.

 

Zuppa di aglio

  • In una padella con un poco di olio friggete le fette di pane.
  • In una casseruola di coccio fate rosolare nell’olio l’aglio tritato.
  • Prima che sia ben dorato aggiungete il pane fritto spolverizzato di paprika.
  • Facendo attenzione che la paprika non bruci, versate 1 litro di acqua calda e salatela al punto giusto.
  • Lasciate cuocere a fuoco dolce per 15 minuti circa.
  • Dividete la zuppa in quattro scodelle da forno, rompete un uovo in ogni scodella, quindi mettetele in forno caldissimo per 3 minuti circa, per consentire agli albumi di rapprendersi leggermente.
  • Servite subito.