Risotto alla robiola, peperone e liquirizia

Risotto alla robiola, peperone e liquirizia, un risotto saporito e cremoso, con note veramente interessanti e particolari. Ve lo propongo in versione tradizionale e nella mia versione con polvere di peperone.

 

Ingredienti

per 4 persone

 

  •     350 gr riso Carnaroli
  •     2 peperoni rossi
  •     100 gr robiola
  •     1 cipolla piccola
  •     parmigiano grattugiato q.b.
  •     polvere di liquirizia q.b.
  •     150 ml vino bianco
  •     1l brodo vegetale
  •     olio EVO q.b.
  •     sale q.b.

                                        

 

  • Preparate i peperoni: preriscaldate il forno a 200 °C e, una volta caldo, disponete i peperoni su una teglia rivestita di carta forno e cuoceteli per circa 30-40 minuti.
  • Di tanto in tanto girate i peperoni e, se necessario, prolungate la cottura di qualche minuto.
  • Toglieteli dal forno e poneteli subito in un sacchetto di plastica: questo passaggio fa in modo che si spellino facilmente.
  • Trascorsi 15 minuti togliete i peperoni dal sacchetto, tirate via la pelle ed il picciolo, quindi eliminate i filamenti interni e i semi.
  • Tagliateli a striscioline e teneteli da parte.
  • In una casseruola versate qualche cucchiaio di olio, unite la cipolla mondata e tritata e fate appassire a fuoco dolce.
  • Unite il riso e fate tostare poi sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare.
  • Tirate il riso a cottura aggiungendo via via il brodo caldo /15-18 minuti).
  • A metà cottura inserite i peperoni.
  • A cottura ultimata, togliete la pentola dal fuoco e mantecate con la robiola e il parmigiano, regolando di sale se necessario.
  • Servite con una spolverata di polvere di liquirizia.

 

risotto alla robiola peperone liquirizia

 

  • Per chi, come me, ha problemi di intolleranza ai peperoni, consiglio di utilizzare la paprika o di realizzare questa polvere:
  • Dopo aver lavato e asciugato i peperoni, levate torsoli e semi e tagliateli a piccoli pezzi, da disporre sui vassoi dell’essiccatore. Impostate la temperatura a 55°; per i tempi, attenetevi alle istruzioni riportate sul manuale dell’apparecchio.
  • Alternate i cestelli di tanto in tanto affinché l’essicazione risulti uniforme.
  • Quando i peperoni saranno perfettamente essiccati versateli in un robot da cucina e macinateli sino a che non saranno ridotti in polvere.
  • Se non disponete dell’essiccatore, potete disidratare i peperoni in forno a bassa temperatura, disponendo le verdure su una placca foderata con carta forno.