Pesto di ortica

Il Pesto di ortica è un’alternativa al pesto di basilico classico. E’ veloce e semplice da realizzare. La natura infestante della pianta, la rende ubiquitaria e facilmente reperibile. La salsa si conserva per qualche giorno in frigo (in vasetti di vetro coperti di olio EVO e chiusi ermeticamente) o più a lungo, ben stivata nel freezer, in vaschette apposite o, come faccio io, porzionata nel vassoio dei cubetti di ghiaccio. Potete utilizzarlo per condire pastasciutte e lasagne, per preparare dei biscotti salati, su carne e pesce, sulla polenta, sulla bruschetta, per tartine, per insaporire insalate sfiziose.

 

Proprietà nutrizionali

La grande quantità di principi attivi fanno dell’ortica una delle piante con il maggior numero di proprietà medicinali. Si usa contro l’anemia, possiede anche proprietà vasocostrittrice ed emostatica. È utilissima per le donne che soffrono di mestruazioni abbondanti. E’ remineralizzante, ricostituente e tonificante, depurativa, diuretica, digestiva, alcalinizzante, disintossicante, facilita l’eliminazione dei residui acidi del metabolismo, che sono strettamente legati a tutte queste malattie.

 

 

 

Ingredienti

 

  • 200 gr foglie di ortica
  • 1 spicchio aglio
  • 10 nocciole
  • 1 cucchiaio mollica di pane
  • olio EVO q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

 

  • Tostate le nocciole e la mollica.
  • Pulite e lavate le ortiche.
  • Lessatele senza aggiungere acqua, scolatele e strizzatele.
  • Tritate nel frullatore (se potete,  pestate nel mortaio) tutti gli ingredienti, aggiungendo a filo l’olio, fino ad ottenere una salsa relativamente densa.
  • Aggiustate di sale e pepe.
  • Il pesto di ortica è pronto!