Pasta coi broccoli (pasta chi vruocculi arriminati)

 

La pasta coi broccoli (pasta chi vruocculi arriminati) è uno dei piatti tradizionali della cucina siciliana. In Sicilia i “vruocculi” sono i cavolfiori.

“Arriminato” significa mescolato e deriva dall’atto del continuo mescolare che serve a rendere cremoso il condimento fatto di cavolfiore, cipolla, uva passa, pinoli, zafferano e sarde.

Come tanti altri piatti tipici, anche questo subisce variazioni a seconda della provincia in cui ci troviamo, ma che sia preparata con cavolfiore, broccolo bianco o verde, in bianco, con l’estratto di pomodoro, con l’aggiunta di qualche pomodoro pelato o con la salsiccia o addirittura infornata, è sempre buonissima!

 

 

Ingredienti

per 4 persone

 

 

  • 400 gr pasta (tradizionalmente, bucatini)
  • 1 cavolfiore di media grandezza
  • 2 cipolle
  • 50 gr uva passa
  • 50 gr pinoli
  • 4 sarde
  • olio EVO q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • 16-20 pistilli Zafferano Terre del Conte
  • 100 gr pangrattato

 

 

 

  • Mettete ad ammorbidire in acqua tiepida l’uva passa e i pinoli.
  • Intiepidite l’acqua in cui farete cuocere il cavolfiore e mettete lo zafferano in infusione.
  • Quando la spezia avrà rilasciato colore e aromi, salate l’acqua e lessate il cavolfiore, poi scolatelo e conservate l’acqua di cottura, che userete per cuocere la pasta.
  • Tagliate ora finemente le cipolle e soffriggetele in un tegame.
  • Appena saranno imbiondite aggiungete le sarde, schiacciandole con un cucchiaio di legno tanto da ridurle in poltiglia.
  • Aggiungete uvetta e pinoli scolati e fate insaporire per qualche minuto.
  • A questo punto unite il cavolfiore lessato e spolverizzatelo con il pepe.
  • Mescolate (arriminate) con un cucchiaio di legno e proseguite la cottura per circa 5 minuti.
  • A questo punto cuocete la pasta nell’acqua messa da parte poi scolatela, ripassatela nel condimento e servite.
  • Se volete potete aggiungere della “muddica atturrata” che si ottiene mettendo in un padellino un cucchiaio d’olio con del pangrattato, che farete tostare senza farlo bruciare; quando sarà ben dorato toglietelo dal fuoco e spolverizzatelo sopra la pasta.