Oli aromatizzati

Preparare gli Oli aromatizzati in casa è facile: scegliete le erbe aromatiche che preferite e renderete ancora più speciale questo condimento già buono. Potete scegliere spezie ed aromi: hanno uno scarso potere nutritivo, ma una grande influenza sulla digestione, con riflessi olfattivi e gustativi. Per farlo in casa occorre scaldare l’olio e lasciarlo in infusione con le erbe che preferiamo, dal basilico al rosmarino, dalla menta agli agrumi. Possiamo crearne uno dal sapore delicato o più deciso, a seconda del vostro gusto. Scegliete sempre olio extravergine d’oliva di qualità. Il procedimento di base per preparare gli oli aromatizzati a freddo richiede di munirsi di barattoli di vetro con coperchio a chiusura ermetica. Sterilizzerete i barattoli prima dell’uso. Dovrete versare sul fondo dei barattoli la quantità di spezie o altri ingredienti aromatici prescelti indicata nelle ricette e poi versare olio extravergine in base alla capienza del barattolo e alle necessità. Dovrete chiudere bene i barattoli e conservarli al buio da 1 a 3 settimane (a seconda dell’intensità del gusto desiderato e delle indicazioni presenti nelle diverse ricette, con gli agrumi i tempi si possono ridurre a qualche giorno). A questo punto potrete filtrare l’olio aromatizzato e versarlo in bottigliette ben pulite da conservare sempre al riparo dalla luce e dal calore, magari avvolgendole con della carta stagnola. Rischio botulino? Come tutte le conserve, il modo migliore per scongiurare il rischio è quello di congelare l’olio prima di consumarlo. Provate anche i saporiti burri composti, con le ricette che trovate qui.

Olio alla menta 

Scaldate 250 g di olio fino a 75-80 °C, spegnete e mettetevi in infusione 12-15 foglie di menta piperita. Quando l’olio si sarà raffreddato, filtratelo pressando delicatamente la menta. Per piatti a base di verdura.

Olio mix piccante

Procedete come sopra, mettendo in infusione nell’olio scaldato gli aghi di un rametto di rosmarino, un peperoncino fresco, un piccolo scalogno affettato e 2 foglie di alloro. Se amate un piccante più intenso, tagliate a pezzetti il peperoncino. Adatto per la carne grigliata.

Olio da insalata

Procedete come sopra, mettendo in infusione nell’olio scaldato 6-8 foglie di basilico, 1 spicchio di aglio fresco, 2 scorzette di limone non trattato.

Olio aromatizzato erba cipollina e menta

  • 6 foglie di menta, 3 fili di erba cipollina

L’olio aromatizzato all’erba cipollina e menta è adoperato principalmente per salse e omelettes. L’erba cipollina conserva il sapore della cipolla rendendolo meno penetrante e con una diversa consistenza ed è nota per i suoi usi vermifughi e ipoglicemizzanti; la menta invece ha funzione di digestivo e capacità di rinfrescare l’alito. Immergete per 30 secondi la menta in acqua bollente ed una volta scolata e spezzettata va aggiunta a 250 gr di olio extra vergine d’oliva, sale e tre fili di erba cipollina precedentemente lavata. Lasciate riposare per circa un mese.

Olio aromatizzato peperoncino e rucola

  • 4 foglie di rucola, 7 peperoncino

L’olio aromatizzato al peperoncino e rucola è estremamente adatto per ravvivare il sapore del pesce, crudo o cotto che sia. Il peperoncino è una delle spezie più utilizzate, ricca di vitamina C e con leggendarie proprietà afrodisiache. Scegliete circa 4 foglie di rucola (lavate e asciugate) e ponetele alla base del contenitore; aggiungete poi 7 peperoncini (possibilmente essiccati) senza semi e tagliati in piccole parti e infine versate 200 gr d’olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale. Lasciate riposare in un luogo buio per almeno 20 giorni, agitando la bottiglia 1/2 volte alla settimana.

Olio aromatizzato alloro e bacche di ginepro

  • 4 foglie di alloro, 15 bacche di ginepro

L’olio aromatizzato all’alloro e bacche di ginepro è indicato nel condimento per la grossa selvaggina e la preparazione di tordi e uccelli diversi. Può essere utilizzato prima della cottura nella marinata delle carni, durante per creare un sugo che renda umida e profumata la vostra ricetta e una volta a tavola come condimento a crudo per un sapore più deciso. L’alloro ha proprietà antisettiche e stimolanti ed aiuta ad eliminare l’odore penetrante della cacciagione mentre il ginepro viene utilizzato per prevenire malattie respiratorie e delle vie urinarie. Per prima cosa lavare e asciugare bene 3 o 4 foglie di alloro e posizionarle sulla base del contenitore; aggiungere poi 300 gr d’olio extravergine d’oliva, circa 15 bacche di ginepro e lasciare riposare per 15 giorni.

Olio aromatizzato al peperoncino

INGREDIENTI PER LA PREPARAZIONE A FREDDO:

  • 1 litro di olio extravergine d’oliva, 8-10 peperoncini piccanti secchi nostrani (o una quantità a piacere)

Sterilizzare una bottiglia a chiusura ermetica (compreso il coperchio) che possa contenere la quantità d’olio indicata. Lasciarla asciugare perfettamente. Pulire i peperoncini con un panno morbido, in modo da eliminare l’eventuale polvere che si è depositata durante l’essiccazione al sole. Spezzettarli a pezzi grossolani, inserirli nella bottiglia e coprirli d’olio extravergine d’oliva. Chiudere ermeticamente e lasciare macerare per almeno 30-40 giorni in un luogo fresco e buio. Agitare la bottiglia 1-2 volte a settimana. Trascorso il tempo indicato, assaggiare l’olio e, nel caso si preferisca ancora più piccante, lasciarlo riposare ancora per qualche tempo (anche 50 giorni). Successivamente, filtrare l’olio con una garza, in modo da eliminare tutti i residui oppure, come nel nostro caso, versarlo nella bottiglia assieme ai peperoncini. Tenere presente che l’olio contenente i peperoncini diventerà ancora più piccante con il trascorrere del tempo. Una volta versato l’olio nella bottiglia (con o senza peperoncini), etichettarla e conservarla in un luogo fresco e buio. Consumare l’olio al peperoncino entro 6 mesi al massimo.

INGREDIENTI PER LA PREPARAZIONE A CALDO:

  • 1 litro di olio extravergine d’oliva, 8-10 peperoncini piccanti freschi nostrani (o una quantità a piacere)

Pulire i peperoncini con un panno morbido, in modo da eliminare l’eventuale polvere. Sterilizzare una bottiglia a chiusura ermetica (compreso il coperchio) che possa contenere la quantità d’olio indicata. Lasciarla asciugare perfettamente. Versare l’olio in un tegame ed immergervi i peperoncini tagliati in pezzetti. Porre sul fuoco e riscaldare l’olio a fuoco dolcissimo per un paio di minuti, fino a raggiungere la temperatura di 60-70°. Tenere presente che esso non deve assolutamente friggere, ma solo raggiungere la temperatura occorrente per estrarre gli oli essenziali e la capsaicina dai peperoncini. Togliere il tegame dal fuoco e lasciare raffreddare. Ripetere l’operazione altre 2 volte, lasciando raffreddare l’olio ogni volta. Successivamente, filtrare l’olio con una garza, in modo da eliminare tutti i residui oppure, come nel nostro caso, versarlo nella bottiglia assieme ai peperoncini. Tenere presente che l’olio contenente i peperoncini diventerà ancora più piccante con il trascorrere del tempo. Una volta versato l’olio nella bottiglia (con o senza peperoncini), etichettarla e conservarla in un luogo fresco (non in frigorifero) e buio. Consumare l’olio al peperoncino entro 6 mesi al massimo.

Olio all’aglio

  • 500 ml di olio extravergine di oliva, 7 spicchi d’aglio sbucciati, erbe aromatiche (salvia, rosmarino, origano), peperoncino q.b.

Mettete in un barattolo a chiusura ermetica 7 spicchi d’aglio (privati della pellicola che li riveste) leggermente schiacciati, aggiungete le erbe aromatiche e ricoprite con olio extravergine di oliva. Lasciateli macerare in un luogo fresco e buio per 20 giorni, poi filtrate e se volete suddividetelo in bottiglie più piccole, può essere comodo per portarlo in tavola. Conservare al buio e possibilmente avvolgere le bottiglie piccole con carta argentata, e’ un buon metodo per evitare l’ossidazione dovuta all’esposizione della luce. Assaporatelo bruschette, pasta, pizza, insalate.

Olio aromatizzato allo zenzero

Per 500 ml di olio extravergine d’oliva si utilizzano 30-40 gr di radice di zenzero, ma potrete metterne anche meno, se temete un sapore troppo forte. Lo zenzero dovrà macerare per una settimana in olio extravergine. Prendete lo zenzero, togliete la parte esterna e tagliatela a fettine sottili o (se volete che il sapore sia più intenso grattugiatela). La quantità che metterete nel barattolo con l’olio extravergine d’oliva varierà l’intensità del sapore dell’olio. Lasciate macerare lo zenzero insieme all’olio nel barattolo di vetro al buio per una settimana, agitandolo ogni giorno anche più volte. A questo punto potete utilizzare l’olio e avete due possibilità: filtrarlo prima, oppure lasciare anche i pezzettini di zenzero (soprattutto se l’avete grattugiato) per arricchire i vostri piatti.

Olio aromatizzato alla curcuma

  • 500 ml di olio extravergine di oliva e 3 cucchiai di curcuma in polvere

Versate l’olio in un barattolo con coperchio ermetico e mescolare la curcuma. Il tempo di riposo è di 1 settimana. Agitate il barattolo di tanto in tanto.

Olio aromatizzato al rosmarino

L’olio aromatizzato al rosmarino è davvero semplice da preparare in casa. Vi serviranno 1 litro d’olio e almeno tre rametti di rosmarino. Potrete suddividere gli aghetti oppure utilizzare rametti interi. In questo caso i tempi di macerazione sono di almeno 3 settimane.

Olio aromatizzato al limone

Per preparare l’olio aromatizzato al limone vi serviranno dei limoni biologici o comunque non trattati, dato che dovrete utilizzare la buccia e dell’olio extravergine di qualità. Dovrete prelevare la buccia del limone con un coltello affilato, senza incorporare la parte bianca, come per il limoncello. Procederemo allo stesso modo: tagliamo con un coltello ben affilato la buccia in superficie, facendo attenzione a tagliare solo la parte gialla. Mettete il limone nell’olio. Prepariamo una bottiglietta: inseriamo le scorze di limone e poi sommergiamole nell’olio EVO che abbiamo scelto. L’olio al limone sarà pronto dopo 2-3 giorni. Una volta pronto, travasate l’olio e buttate le bucce.

Olio aromatizzato al timo

Ecco un altro olio aromatizzato facile da preparare in casa e da utilizzare per insaporire i vostri piatti preferiti. Potrete utilizzare solamente il timo oppure abbinarlo ad altre erbe, come salvia, basilico o dragoncello. Un litro di olio dovrà essere aromatizzato con 4 rametti di timo fresco. L’olio aromatizzato al timo è perfetto per arricchire piatti a base di pesce al forno o al vapore.

Olio aromatizzato al basilico

Potrete preparare l’olio aromatizzato al basilico con 1 litro di olio extravergine di oliva, 10 foglie di basilico e qualche infiorescenza di questa pianta (se coltivate il rosmarino in vaso o nell’orto sarà molto semplice raccoglierle durante l’estate). Il tempo di riposo è di 3 settimane.

  • 1 l Olio extravergine d’oliva, una manciata di infiorescenze di basilico, 10 foglie di basilico

Per la preparazione di quest’olio aromatico, cogliete preferibilmente le infiorescenze di basilico al mattino presto, lasciatele asciugare se fossero bagnate di rugiada e mettetele in un recipiente a chiusura ermetica. Versate l’olio, chiudete e lasciate macerare per 3 settimane in un luogo buio e fresco. Aggiungete le foglie di basilico e nuovamente riponete il recipiente per una settimana. Filtrate e travasate in piccole bottiglie: avrete un ottimo condimento da usare con insalate, pastasciutte, minestroni, passati di verdura.

Olio aromatizzato al mandarino

Ecco un’altra chicca per insaporire i vostri piatti che potrete facilmente preparare in casa con dei mandarini bio e non trattati. Dovrete utilizzare le scorze dei mandarini.

  • ½ litro di olio EVO (delicato), 5 mandarini

Lavate e sbucciate i mandarini, inserite le scorze in un vaso di vetro con chiusura ermetica asciutto e pulito, aggiungete l’olio fino a coprire le bucce e chiudete. Riponetelo in luogo buio per 10 giorni. Trascorso il tempo, filtrate l’olio con un colino a maglie finissime o con un telo di cotone, imbottigliatelo e chiudetelo ermeticamente per non disperdere il profumo di mandarino.

Olio aromatizzato alle erbe

  • 0,5 l di olio extravergine d’oliva, 3 rametti di menta fresca, 2 rametti di prezzemolo 3 steli di erba cipollina, 3 grani di pepe nero, scorza di un limone

Lavate e asciugate con cura i rametti di menta, quelli di prezzemolo e quelli di erba cipollina. Introduceteli in un vaso con l’olio, aggiungete gli altri ingredienti e lasciate macerare per 8 giorni. Filtrate l’olio versandolo in una bella bottiglia, quindi aggiungete uno stelo di erba cipollina e un grano di pepe per conservare il sapore.

Olio aromatizzato al tartufo

Un gusto elegante e raffinato, da ottenere con 2 fettine di tartufo per ogni litro di olio. Ideale per condire uova e asparagi, ma anche piatti a base di carne cruda e carpaccio di pesce.