Idromele

 

L’idromele è una bevanda alcolica prodotta dalla fermentazione del miele. È conosciuto come “Acqua di Aron”, “Acquawussler” o come “Bevanda degli dèi”. Da consumare rigorosamente fresco, ha un sapore dolce ed è perfetto per accompagnare dolci di pasticceria secca.

Storia

L’idromele era prodotto nell’antichità in Egitto, Grecia, nell’Inghilterra celtica, nella Scandinavia vichinga, presso gli slavi, i Taulanti e gli Abri.

Curiosità

Era tradizione, in molte parti d’Europa, che alle coppie appena sposate fosse regalato idromele sufficiente per la durata di un mese lunare. Tale dono veniva fatto come incentivo alla procreazione poiché erano note le sue caratteristiche di tonico/energetico. La locuzione “luna di miele“, deriva proprio dal fatto che per la durata di una luna la coppia si godeva il consumo di questa bevanda.

Proprietà

L’idromele è ricco di sali minerali, calcio, magnesio ed ha proprietà antinfiammatorie e antibiotiche. L’idromele ha una gradazione alcolica che può variare dai 6% vol ai 18% vol.

Come si prepara

Il miele viene sciolto in acqua e da questo prende vita un vero e proprio mosto ricco di zuccheri. Questi zuccheri, fermentando, producono colonie di lieviti. La bevanda ottenuta viene poi regolata con vari acidificatori. La quantità residua di zuccheri determina le varie tipologie di questa bevanda:

  • molto secco
  • secco
  • demi-sec
  • dolce
  • liquoroso

 

Ingredienti

 

  • 3 l acqua
  • 2 kg di miele
  • 3 gr lievito per enologia

 

  • Scaldate l’acqua a 45 °C poi versatevi dentro il miele.
  • Mescolate energicamente in modo da incorporare più aria possibileal fine di  favorire la fermentazione.
  • Aggiungete ora il lievito seguendo le indicazioni presenti sulla confezione.
  • Mescolate poi sigillate il contenitore con la pellicola per circa 30 minuti.
  • Trasferite il tutto in una damigiana lontano da luce diretta ad una temperatura tra i 18 e i 20 °C e lasciate riposare per almeno 30 giorni.
  • Durante la prima settimana ricordate di muovere la damigiana in senso rotatorio per una volta al giorno.
  • Imbottigliate l’idromele e lasciatelo stabilizzare per un periodo che varia dai 3 ai 12 mesi.