Filetto di maiale alla liquirizia con erbette

Il Filetto di maiale alla liquirizia è il piatto di oggi.

Prendo parte con orgoglio ad una delle più importanti rievocazioni storiche d’Italia, La Giostra della Quintana, vestendo fieramente i verdi colori del Rione La Mora. E’ tradizione della mia contrada onorare questo giorno di vigilia dei festeggiamenti del Santo patrono con una giornata gastronomica interamente dedicata alla carne di maiale (Porci sacra fames). Non potendola effettuare in presenza, rispettiamo la tradizione cucinando nelle nostre case una pietanza a tema. Rimanendo nel barocco, periodo di riferimento del nostro evento, vi propongo questo succulento taglio di carne, accompagnato da erbette campagnole ripassate.

 

Ingredienti

per 4 persone

  •     600 gr filetto di maiale
  •     polvere di liquirizia q.b.
  •     erbette a piacere (spinaci, bietole, cicoria, etc.)
  •     ½ l brodo vegetale
  •     2 aglio in camicia
  •     timo q.b.
  •     150 gr burro
  •     20 ml aceto di vino bianco o di mele
  •     olio EVO q.b.
  •     sale q.b.
  •     pepe q.b.
  • Tagliate la carne in 4 medaglioni di forma regolare e tenete gli scarti per preparare la salsa di accompagnamento.
  • Volendo, potete legare la carne con spago alimentare per far mantenere la forma.
  • Rosolate i ritagli in una pentola con un filo di olio, una noce di burro, uno spicchio di aglio e polvere di liquirizia.
  • Una volta che la carne è ben caramellata, coprite con il brodo per 12 minuti poi passate il liquido con un colino cinese e fate ridurre finché non diventerà mielosa.
  • A questo punto scottate le vostre erbette con il resto del brodo, poi scolatele, asciugatele e ripassatele in un padellino con olio e aglio, aggiustando di sale se occorre.
  • Infine, rosolate i medaglioni in una padella con del burro sigillandone bene tutti i lati e aromatizzando con timo, sale e pepe.
  • Impiattate ponendo le erbette al centro del piatto, adagiando sopra i medaglioni e irrorando con la salsa.