Composta di frutta allo zafferano

 

La composta di frutta allo zafferano è il dessert di oggi, servito per una cena con una carissima amica.

 

Storia

La composta è un dolce di origine medievale, a base di frutta (intera o a pezzi) cotta in uno sciroppo di zucchero oppure vino, eventualmente speziato con vaniglia, scorza di limone o di arancia, cannella, chiodi di garofano o altre spezie; alla ricetta possono essere aggiunte mandorle tritate, cocco grattugiato, canditi o uva passa.

Nell’Inghilterra tardomedievale, la composta veniva servita prima dell’ultimo piatto di una festa, spesso accompagnato da un potage cremoso. Durante il Rinascimento veniva servita fredda alla fine della cena. Poiché era facile da preparare, fatta con ingredienti a basso costo e non conteneva latticini, divenne un alimento base delle famiglie ebraiche in tutta Europa.

Varianti

Ne “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” di Pellegrino Artusi sono elencate varie ricette di composta, tra cui quella di albicocche, pere, cotogne e riso.

Il dessert può essere servito con panna montata. Altre varianti prevedono l’aggiunta di bevande alcoliche, come kirsch, rum o moscato.

A differenza della confettura, la composta viene cotta solo per pochi minuti e con poco zucchero, al fine di mantenere il sapore della frutta fresca e deve essere consumata entro pochi giorni.

Nella cucina moderna, la composta può essere preparata anche con verdure (ad esempio cipolle, peperoni o pomodoro). Può essere servita calda o fredda e accompagnare carne, formaggi o antipasti.

 

 

Ingredienti

per 4 persone

 

 

  • 1 arancia o limone (succo)
  • 150 gr frutta fresca di stagione
  • 75 gr zucchero
  •  150 ml vino bianco
  • 250 ml latte
  • 20 gr amido di mais
  • 2 tuorli d’uovo
  • 10 pistilli Zafferano Terre del Conte

 

 

 

  • Spremete un’arancia, filtratene il succo e versatelo in un tegame con 2 cucchiai di zucchero e il vino.
  • Fate cuocere finché lo sciroppo non si sarà ristretto.
  • In una ciotola, con la frusta, montate i tuorli con lo zucchero rimasto e incorporatevi la farina facendo attenzione che non si formino grumi.
  • Stemperate lo zafferano con il latte caldo e versate nel composto, portandolo a bollore a fuoco basso per circa 10 minuti. 
  • Lasciate raffreddare. 
  • Aggiungete lo sciroppo d’arancia e versate la crema ottenuta in quattro coppette individuali.
  • Servite freddo guarnendo con frutta fresca di stagione.