Vellutata di zucchine con grano

La Vellutata di zucchine con grano è un accostamento nuovo e capitato per pura casualità: una persona mi ha regalato del grano, alimento che non utilizzavo da secoli; non di meno questi sapori hanno riportato la memoria a ricordi di infanzia. La mia famiglia ha origini contadine e il territorio era risorsa imprescindibile del sostentamento (la cultura dell’orto di casa è un valore che non ci ha mai abbandonato). A questo, si aggiungeva il lavoro nei campi e il raccolto dei loro prodotti. Tra le tante verdure che i miei nonni coltivavano, le zucchine avevano senza meno un ruolo da protagoniste: crescevano per buona parte dell’anno e in maniera copiosa, così da garantire la quota vegetale a tavola nove volte su dieci. Storia diversa per il grano, che veniva raccolto e stivato nel granaio, dove noi bambini andavamo a nuotare, come Zio Paperone nelle sue monete. Ne uscivamo neri di polvere….e poi neri di sculacciate delle mamme, ma il divertimento valeva il castigo. Il frumento veniva in parte venduto, in parte mulinato ed in parte tenuto come foraggio. Accadeva spesso però, che venisse bollito e confezionato in zuppe ed insalate tiepide (di cui mia sorella andava ghiotta). Ed eccomi di nuovo catapultata indietro nel tempo: potenza evocativa del cibo!

 

Ingredienti

Per 4 persone

  • 800 gr zucchine
  • 160 gr grano
  • ½  l brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • 4 cucchiai olio EVO
  • 1 cucchiaio prezzemolo
  • timo q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

 

 

  • Lavate le zucchine e tagliatele a rondelle.
  • Soffriggere lo scalogno in una casseruola con 3 cucchiai di olio, unite le zucchine e il brodo bollente e cuocetele coperte per circa 15 minuti.
  • Lavate il grano, sgocciolatelo e fatelo tostare in un tegame riscaldato, per circa mezzo minuto, mescolando.
  • Unite 3,5 dl d’acqua bollente e una presa di sale e cuocete per circa 20 minuti.
  • Frullate le zucchine un pizzico di sale e versate la crema ottenuta in 4 piatti fondi.
  • Scolate il grano e raffreddatelo leggermente sotto l’acqua corrente.
  • Conditelo con l’olio rimasto, una presa di sale, le foglie di timo spezzettate e il prezzemolo.
  • Distribuitelo sulla vellutata con un filo di olio, una spolverata di pepe e servite.
  • Potete accompagnare con crostini di pane all’aglio e un vino bianco, fermo, secco, leggero (Bianchello del Metauro).

 

Seguici su