Chiudiamo la rassegna con la preparazione più insolita. La mia versione di

Petto d’anatra glassato con basmati al profumo di rosmarino e chiodi di garofano

Per due persone

  • 2 petti d’anatra
  • 3 cucchiai di salsa di soia
  • Un cucchiaio di miele (o zucchero di canna)
  • Qualche fettina di zenzero fresco
  • Semi di sesamo q.b.
  • 300 ml di acqua
  • 150 gr di riso basmati
  • 3 rametti di rosmarino
  • Qualche chiodo di garofano

 

  • Preparate il liquido di marinatura: versate in un pentolino 2 cucchiai di salsa di soia, il miele e lo zenzero, fate sciogliere il composto a fuoco dolce, finché non comincia a sobbollire. Portatelo dolcemente ad ebollizione per qualche minuto, fino a caramellatura. Togliete dal fuoco e filtrate il composto.
  • Fate raffreddare e mettete i petti d’anatra a marinare.
  • Nel frattempo portate ad ebollizione l’acqua (insaporita con 1 cucchiaio di salsa di soia, il rosmarino e i chiodi di garofano), versate il riso che avrete sciacquato preventivamente, abbassate la fiamma e coprite con un coperchio. Una volta versato il riso NON DEVE ESSERE MESCOLATO, altrimenti si attacca al fondo. Lasciar assorbire il liquido, dopodiché spegnete il fuoco e fate riposare per qualche minuto. Successivamente, mettete il riso in un piatto e sgranatelo leggermente. Tenetelo in caldo sopra una pentola con acqua calda.
  • Riprendete i petti d’anatra. incideteli e fateli rosolare in padella ben calda, utilizzando il liquido di marinatura, fino a cottura.
  • Togliete dal fuoco, scolate eventuali residui di salsa.
  • “Panate” grossolanamente la carne con i semi di sesamo (potete anche tostarli leggermente).
  • Servite i petti ben caldi, accompagnati dal riso basmati profumato.

 

Varianti: se non gradite il riso basmati, potete accompagnare la pietanza con verdure a piacere o con vellutate di verdure.

 

 

Seguici su