Torrone morbido

Il Torrone morbido è una variante del classico dolce natalizio. Il termine “torrone” è d’etimologia discussa. Per alcuni, deriverebbe dalla voce verbale latina “torrere”, presente attivo infinitivo di “torreo” col significato di “tostare”, “abbrustolire”, con riferimento alla tostatura delle nocciole e delle mandorle. Altri ritengono che il termine derivi dal latino “terra” (per essere simile a un grumo di terra) oppure dal latino “turùnda” che significa “mescolare”. È composto da albume d’uovo, miele e zucchero, farcito con mandorle, noci, arachidi o nocciole tostate o frutta candita e spesso ricoperto da due strati d’ostia. Le principali varietà di torrone sono quello duro e quello morbido: la differenza fra le due è dovuta a diversi fattori. Innanzitutto il diverso grado di cottura dell’impasto: difatti nel torrone duro (anche chiamato “friabile”) la cottura è solitamente prolungata nel tempo fino a raggiungere (in alcuni prodotti tipici) le 12 ore. Altrettanto importante è la composizione della ricetta ed il rapporto tra il miele e gli zuccheri (tra cui saccarosio, sciroppo di glucosio, sciroppo di zucchero invertito). Il torrone tenero, invece, ha una cottura che solitamente non supera le 2 ore; ciò permette di avere un’umidità dell’impasto più alta; questo fattore in combinazione alla ricetta diversa produce un impasto più tenero. Al posto della scorza di agrumi fresca, potete utilizzare quella candita.

 

Ingredienti

  • 300 gr nocciole
  • 60 gr mandorle
  • 100 gr pistacchi
  • 200 gr zucchero semolato
  • 50 ml acqua
  • 100 gr di miele chiaro
  •  2 albumi d’uovo a temperatura ambiente
  • scorza di un’arancia
  • scorza di un limone
  • 2 fogli di ostia

 

  • Montate a neve gli albumi a neve ben ferma.
  • In un pentolino fate scaldare il miele e in un altro l’acqua con lo zucchero. Se avete un termometro alimentare la temperatura deve raggiungere i 140° per il miele e 130° per lo zucchero.
  • Mettete nel forno la frutta secca a 100° per 10 minuti in modo da farla tostare.
  • Unite a filo lo sciroppo di zucchero e il miele caldi al composto di albumi, montando ancora con le fruste elettriche o con la planetaria.
  • Aggiungete la frutta secca (calda) e mescolate con un cucchiaio di legno.
  • In ultimo incorporate la buccia grattugiata dell’arancia e del limone.
  • Foderate uno stampo da forno con carta forno, mettete sopra l’ostia e poi versate il composto livellandolo.
  • Chiudete con il secondo foglio di ostia e mettete in frigorifero per 15 minuti.
  • Trascorso il tempo potete sformare il torrone e tagliarlo in piccoli pezzi.
  • Si conserva avvolto nel cellophane, NON IN FRIGO.
Seguici su