Spaghetti al tartufo bianco: un piatto semplice, favoloso, ricercatissimo!

Il Tartufo è un fungo ipogeo a forma di tubero: vive sotto terra, in simbiosi con le radici di alcune piante, quali, per esempio, la quercia, il tiglio, il nocciolo, il carpino e il pioppo. Ne esistono tre tipi:

 

La pulizia del tartufo, da effettuarsi solo pochi minuti prima dell’uso, deve avvenire sotto l’acqua fredda, utilizzando uno spazzolino per una pulizia approfondita.

Il tartufo bianco va servito crudo, tagliato in sottili lamelle su cibi sia freddi che caldi. Ideale sulla fonduta, sui “tajarin” (tagliolini) ed il risotto alla piemontese, sui formaggi, sulla carne cruda all’albese, sull’insalata di funghi porcini e ovuli reali. L’aroma del tartufo viene esaltato particolarmente sulle uova al tegamino.

 

Ingredienti

per 4 persone

 

  • 400 gr spaghetti
  • 50 gr tartufo bianco
  • 80 gr burro
  • 50 gr parmigiano reggiano
  • sale q.b.

 

  • Tuffate gli spaghetti in una pentola capiente con acqua salata in ebollizione.
  • Nel frattempo, pulite il tartufo bianco con uno spazzolino oppure strofinatelo con un telo umido per eliminare i residui terrosi.
  • Togliete la scorza dal tartufo e grattugiane circa la metà.
  • Fate fondere il burro in una larga padella ed unite ad esso il tartufo appena grattugiato.
  • Scolate gli spaghetti ancora al dente e versateli nella padella con il burro e il tartufo.
  • Aggiungete un’abbondante spolverata di parmigiano grattugiato e un pizzico di sale.
  • Lasciate insaporire il composto per qualche minuto, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
  • Quando gli spaghetti al tartufo bianco saranno amalgamati con il condimento, trasferiteli in un piatto da portata.
  • Grattugiate sopra il rimanente tartufo.
  •  Gli Spaghetti al tartufo bianco sono pronti:  serviteli subito!.
Seguici su