Il Roccio, così chiamiamo il ciambellone a Foligno, è il dolce della semplicità, il dessert senza pretese delle nostre origini povere e contadine. Perfetto come base per torte più elaborate, al posto del pan di spagna. Se avanzato o secco, ottimo frullato come “farina” dolce o sbriciolato a crumble per decorare. Bruscato e servito con crema pasticcera, per un dessert last minute. Fatto dei pochi ingredienti che le nonne mettevano insieme, con quel che c’era in dispensa:

Lo strutto, fatto col maiale, perché olio e burro non si trovavano, se non barattati con le uova. Le uova, che mia madre bambina raccoglieva nel pollaio, attenta a non romperle. I semi di anice e la buccia di limone, per aromatizzare. Il bicarbonato per lievitare e più tardi, il lievito, nelle scatole di latta decorate. La farina macinata e tutto impastato per preparare un dolce semplice, che i bambini mangiavano a merenda e i contadini nei campi consumavano,  “quillu vuccuncillu” (il bocconcino) che li aiutava ad arrivare a fine giornata, quando lo zucchero era prezioso e costoso e merce rara, da consumare quasi con devozione. Il forno a legna accoglieva la teglia infarinata e sopra, sui cerchi roventi della stufa, gorgogliavano pignatte di sugo e di zuppe.

Mia madre lo cuoce nella pentola fornetto, sulla cucina a gas e secondo me ha un sapore diverso se cotto in forno. La ricetta è ammodernata negli ingredienti, ma non nella sostanza: per noi “lu roccio” è sempre dolcezza gradita: inzuppato nel latte, accompagnato dal vino dolce, con l’uvetta e col cacao, coi pinoli o coi canditi, spalmato di marmellata o nutella. 

Risveglio del mattino e conforto nella notte, al rientro mio dalla discoteca o del ritorno dal  lavoro, di mio padre. Lu roccio è il sapore di casa.

 

 

Ingredienti

 

  • 5 uova
  • 5 cucchiai olio di semi o strutto
  • 8 cucchiai zucchero
  • 5 cucchiai mistrà
  • la buccia di 1 limone
  • 1 bustina lievito
  • 250 gr farina

 

  • Impastate tutti gli ingredienti in una ciotola.
  • Trasferite l’impasto in una teglia imburrata e cuocete in forno per 20/25 minuti a 180°.
  • E il gioco è fatto!
Seguici su