Risotto al vin brulè

 

Il Risotto al vin brulè è il piatto di questo sabato sera ancora invernale. Pochi ingredienti in frigo, parecchio vino avanzato di una cena precedente che non avrei mai bevuto (non bevo alcolici) e che non mi andava di sprecare (anche perché pregiato), poca voglia di impazzire ai fornelli, ma sufficiente fame per mettere in moto la fantasia. 

Ed ecco qua un altro piatto che la family si è scofanato fra mugugni di piacere e sollazzo per il palato e i pancini…  😀 

Prendendo ispirazione dalla nota bevanda, ho creato un risotto gustoso e dai sapori imprevisti: la dolcezza della mela, l’acidità del vino, la nota speziata di cannella e chiodi di garofano.

Buon appetito!

 

 

 

 

Ingredienti

per 6/8 persone

  • 600 gr riso Carnaroli
  • 2 l brodo vegetale
  • olio EVO q.b.
  • ½ l vino rosso
  • 1 pizzico cannella
  • 1 scalogno
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 mela
  • buccia di 1 arancia
  • burro q.b.
  • grana grattugiato q.b.

 

  • Tagliate finemente lo scalogno e fatelo soffriggere in pentola su un fondo di olio.
  • Inserite il riso e fate tostare.
  • Bagnate con il vino rosso e lasciatelo evaporare.
  • Cuocete il riso allungando con il brodo vegetale già salato.
  • Preparate in una pentola il vin brulé, facendo cuocere il vino rosso con la cannella, la mela tagliata a fettine, i chiodi di garofano e le bucce di arancia.
  • Dopo 10′ circa, quando il liquido si è ridotto di un terzo, toglietelo dal fuoco, recuperate le bucce di arancia e le fette di mela e versatelo nel riso, lasciandone un poco per guarnire.
  • Riducete un poco il vin brulè rimasto (aggiustate con una punta di zucchero se dovesse risultare troppo aspro) fino ad ottenere un liquido sciropposo.
  • Portato il riso a cottura, togliete la pentola dal fuoco e mantecate con burro e grana.
  • Impiattate il riso  guarnendo con le fette di mela, la salsa e se vi piace, con una grattugiata di buccia d’arancia.
  • Servite ben caldo il vostro risotto al vin brulè.
Seguici su