Pollo al vino bianco

Il Pollo al vino bianco è la pietanza che ho preparato ieri sera per la cena. Un secondo piatto di carne veloce, saporito, ma anche gustoso e leggero. Ho utilizzato, nello specifico, delle sovracosce di pollo. Normalmente non aggiungo grassi alla cottura, perché la pelle del pollo rilascia il suo. Per accompagnare la pietanza è perfetta una finta salsa Gravy, che ho creato mescolando il fondo di cottura con del formaggio spalmabile a basso contenuto di grassi (ma, se volete potete realizzarla con la panna o con lo yogurt bianco, a seconda dei vostri gusti e delle vostre esigenze), senza ulteriore aggiunta di sale (il fondo di cottura è già bello saporito). Per un accompagnamento diverso e un tocco raffinato, ottima anche la very British Salsa di pane. Una semplice salsa può trasformare anche il piatto più semplice!

 

Ingredienti

Per 2 persone

  • 4 sovracosce di pollo
  • 1 bicchiere vino bianco secco
  • 2 foglie alloro
  • 1 spicchio aglio
  • sale q.b.
  • pepe bianco q.b.
  • formaggio spalmabile q.b.

  • In una casseruola capiente ponete le sovracosce di pollo con 2/2 cucchiai di vino bianco.
  • Aggiungete sale, pepe ed alloro.
  • Fate rosolare pian piano, a fuoco molto dolce, aggiungendo gradualmente il vino fino a cottura ultimata. Ho utilizzato questo sistema per non usare grassi aggiunti, come ad esempio l’olio d’oliva. In questo modo il pollo rosola perfettamente facendo uscire la parte grassa dalla pelle. Si mantiene croccante fuori, umido dentro e non ha la consistenza “lessa” delle carni cotte in liquido.
  • A cottura ultimata, rimuovete l’alloro e l’aglio, eliminate il grasso in eccesso e versate sul fondo un paio di cucchiai abbondanti di formaggio spalmabile (il mio al 3% di grassi).
  • Mescolate per incorporare il fondo nel formaggio, fino ad ottenere una crema.
  • Setacciate la crema ottenuta con un colino, per avere una salsa liscia e vellutata.
  • Servite il pollo al vino ben caldo, accompagnato dalla sua salsa.
  • Buon appetito!

 

Seguici su