Il pesto forte è l’ennesima variante di pesto che ho voluto provare, tanto sono appassionata di questo meraviglioso condimento, nemmeno fossi genovese. L’ingrediente principale è la famosa ‘nduja, un insaccato spalmabile particolarmente piccante. E’ consumata principalmente con fette di pane o con formaggio stagionato, ma può essere aggiunta a sughi per pasta. La ‘nduja viene prodotta con parti del maiale come la spalla e il ventre, nonché trippa, peperoni arrostiti e una miscela di spezie. 

È una variazione calabrese liberamente ispirata all’ andouille francese, introdotta nel XIII secolo dagli Angioini, preparata con carne di maiale, trippa, aglio, pepe, cipolle, vino.

In Louisiana esiste un’ andouille simile a quella francese: si tratta di una salsiccia a grana grossa fatta con carne di maiale , aglio, pepe, cipolle, vino e condimenti. Il taglio di maiale utilizzato è principalmente la spalla affumicata. Una volta riempito il budello, la salsiccia viene nuovamente affumicata. 

Il gusto di questo pesto forte è perciò decisamente marcato, poco adatto a chi non ama sapori intensi e decisi e più indicato per chi invece fa della “piccantezza” il suo credo in cucina. Tuttavia, utilizzato sulla pasta o sul pane, che ne addolciscono i tratti,  se ne ammorbidisce la scabrosità e se ne percepisce appieno la bontà.

 

Ingredienti

Per 4 dosi

 

  • 4 acciughe sott’olio
  • 1 spicchio aglio
  • 1 cucchiaino ’nduja
  • 1 cucchiaio pistacchi
  • 1 cucchiaio mandorle
  • olio EVO q.b.
  • 1 cucchiaio olive taggiasche
  • 1 fetta grande pane casareccio

 

 

 

  • Scaldate l’olio in un pentolino e facciamo stemperare la ‘nduja.
  • Tritate le acciughe, dissalate e deliscate, con un coltello, a pezzi grossolani.
  • Spremete lo spicchio d’aglio e ricavatene il succo, che terrete da parte.
  •  Snocciolate le olive taggiasche.
  • Spezzettate la fetta di pane.
  • Tritate al coltello le mandorle assieme ai pistacchi, non troppo finemente.
  • Trasferite tutto nel mixer e frullate fino ad ottenere una salsa cremosa, ma abbastanza ruvida.
  • Il vostro pesto forte è pronto da gustare.
Seguici su