Pesto di rose

Il Pesto di rose è una preparazione di quelle che faccio a primavera, quando la natura mi esplode intorno e mi sento veramente in sintonia con l’universo. Il mio piccolo, piccolissimo giardino mi regala ogni anno profumi e sapori a cui non saprei rinunciare. Il pesto che vi propongo ha una consistenza e una delicatezza  spettacolare: sarà ottimo per preparare un risotto o una pastasciutta, che guarnirete con i petali del fiore: sarà buono e bellissimo da vedere! Le rose da utilizzare (io ne ho usate tre bianche e rosa di media grandezza) devono essere rigorosamente non trattate. Per chi non ha un giardino, i fiori eduli si possono reperire anche on line e nei negozi specializzati in alimenti particolari. Non scegliete rose di colori strani (tipo blu o verdi o nere): sono tinte con coloranti. Una rosa nera autentica costa un occhio della testa! Sarà un condimento perfetto se dovete organizzare un pranzo per delle bambine: ne feci uno quando Vittoria compiva otto anni ed il tema erano i fiori: le fanciulline erano entusiaste, si sentivano come le fate delle fiabe!

 

Ingredienti

per 4 persone

  • petali di 2/3 rose di media grandezza non trattate
  • 50 gr mandorle pelate
  • 4 cucchiai parmigiano reggiano grattugiato
  • olio EVO q.b.
  • 1 cucchiaini buccia di limone grattugiata
  • 1 spicchio d’aglio
  • sale q.b.
  • pepe bianco q.b.

 

  • Togliete dallo spicchio d’aglio l’anima centrale, che darebbe un retrogusto troppo carico ed intenso e tritatelo.
  • Tritate le mandorle sottilmente.
  • Sciacquate bene i petali di rosa, sgrondateli dai residui di acqua (io ho fatto fare due giri nella centrifuga che uso per l’insalata) e fateli asciugare.
  • Una volta asciutti, trasferiteli nel mixer e frullate.
  • Quando i petali saranno diventati una crema, aggiunge le mandorle, l’olio, il parmigiano.
  • Aggiungete la scorza di limone grattugiata in maniera graduale ed assaggiate il gusto del composto via via che lo preparate: anche il limone, come l’aglio, ha un gusto coprente, quindi dosatelo in modo che non annulli l’aroma dei fiori, che è quello che si deve principalmente percepire.
  • La densità della salsa varia a seconda della quantità di olio presente: decidete voi se preferite un composto più denso o più fluido.
  • Aggiustate di sale e pepe; anche qui, ho scelto il pepe bianco perché desse un tocco brioso senza sovrastare.
  • Il vostro pesto di rose è pronto.

 

Buon appetito!

 

 

 

Seguici su