Ostriche

Ostrea (nome volgare delle ostriche) è un genere di molluschi bivalvi dalla conchiglia tondeggiante ricoperta di lamelle squamose ondulate. Le due valve sono disuguali e quella inferiore, alla quale è ancorato l’animale, è più grande ed incavata della superiore. Il mollusco ha corpo di forma tondeggiante, con i margini dei due lembi del mantello frangiati. Vive in tutti i mari d’Europa a bassa profondità, abbarbicata alle rocce o ad altri corpi solidi. (Wikipedia)

Per aprire le ostriche occorre uno speciale coltellino a lama corta e tozza o un coltellino corto e a lama larga. Poiché l’operazione può essere pericolosa, bisogna avvolgere l’ostrica in un telo piegato in 4 o posarla su un guanto da forno per evitare di ferirsi, se dovesse sfuggire il coltello. Mettete la valva piatta verso l’alto, introducete la punta del coltellino in corrispondenza della cerniera (che verrà a trovarsi verso di voi) e ruotando la lama prima a destra, poi a sinistra, aprite le valve. Introducete la lama del coltellino rasente la valva piatta superiore e recidete il muscolo che tiene unite le due valve. Continuate ad allargare le conchiglie fino a staccare quella piatta, che eliminerete. Posate la conchiglia con l’ostrica sul tagliere, fate scorrere la lama sotto il mollusco per staccarlo. Ora l‘ostrica è pronta da gustare.

Le ostriche si servono fredde, ad una temperatura che può oscillare tra i 4 e gli 8 gradi.

Suggerimenti di consumo:

Pepe e Limone all’italiana

Portate in tavola il vostro vassoio di ostriche già aperte, un piattino con le fette di limone tagliate per la lunghezza, un mulinello con pepe di qualità. Il procedimento è semplice: prendete l’ostrica, spremete all’interno un pochino di limone, aggiungete un giro di pepe e gustate.

Alla francese

Sminuzzate uno scalogno e fatelo marinare nell’aceto di vino bianco. Bruscate qualche fetta di pane e ricopritela con abbondante burro non salato di qualità. Prendete l’ostrica, conditela con la marinatura e aggiungete un filo di pepe. Dopo aver gustato, mordete un pezzo di pane e burro. Champagne a volontà.

Alla Napoleone

Riempite un vassoio con ghiaccio tritato sul quale sistemerete alcune foglie di lattuga. Su di esse, disponete le ostriche aperte. Emulsionate sale, pepe, Cognac, succo di limone e un goccio d’olio. Condite i molluschi con la marinatura ottenuta e servite.

Nel blog trovate anche queste eleganti e raffinate ricette che, sono sicura, delizieranno il vostro palato. Buon appetito!

Ostriche Mimosa con maionese di soia

Ostriche in gel di mare e Champagne

Seguici su