Bloody Mary

Il Bloody Mary è un cocktail a base di vodka, succo di pomodoro e spezie piccanti od aromi come la salsa Worcestershire, il tabasco, il consommé (o, in alternativa, il dado da cucina), il cren, il sedano, il sale, il pepe nero, il pepe di Caienna e il succo di limone. Una decorazione comune è l’aggiunta di un gambo di sedano, se il cocktail è servito in un tumbler alto, spesso adagiato sul ghiaccio.

Il Bloody Mary è stato quasi certamente creato da George Jessel attorno al 1939.

L’epiteto “Bloody Mary” viene associato a diversi personaggi femminili, storici o fittizi, soprattutto la regina Maria I d’Inghilterra (si veda Bloody Mary per le altre). Si ritiene che l’ispirazione per il cocktail fu la star Hollywoodiana Mary Pickford, che in precedenza ebbe un cocktail simile, consistente di rum, granatina e maraschino che portava il suo nome.

Il nome probabilmente si riferisce al colore rosso sangue del cocktail.

Il termine richiama, inoltre, nell’immaginario collettivo, la leggenda metropolitana di Bloody Mary. (fonte:Wikipedia)

Ricetta IBA 

  • 4,5 cl di vodka
  • 9 cl di succo di pomodoro
  • 1,5 cl di succo di limone
  • 2/3 gocce di salsa Worcestershire
  • 1 pizzico di sale di sedano e di pepe nero
  • Tabasco

Può essere shakerato vigorosamente o mescolato lentamente, il risultato sarà lo stesso. La tecnica consigliata per poter effettuare poca diluizione ma molto raffreddamento e miscelazione nel cocktail è la tecnica di throwing. Decorazione con un stecchino di sedano; preparare anche degli spiedini con qualche oliva, della giardiniera, qualche carota, funghi, o altra verdura o anche carne (salame, gamberetti, ecc.) e formaggio. A volte può essere guarnito anche con asparagi sottaceto.

Variazioni alcoliche e analcoliche

  • Virgin MaryBloody Shame, o Bloody Virgin: Analcolico; il secondo termine è il più diffuso in Australia.
  • Ruddy Mary: Gin al posto della vodka.
  • Red Hammer: Nel nord est degli Stati Uniti durante gli anni cinquanta la vodka era scarsa, e veniva usato il gin invece della vodka, ed il cocktail veniva chiamato Bloody Mary quando la vodka tornò reperibile in queste regioni, il Bloody Mary con la tradizionale base di vodka prese il nome di Red Hammer, ma solo per qualche tempo.
  • Michelada: Birra messicana a rimpiazzo della vodka, solitamente aromatizzato con un paio di gocce di salsa Worcestershire e di Tabasco.
  • Bloody Geisha: Sakè al posto della vodka.
  • Bloody Maria: Tequila al posto della vodka.
  • Brown Mary o Whiskey Mary: Whiskey al posto della vodka.
  • Bloody Bishop: Sherry al posto della vodka.
  • Red EyeCalgary Red Eye, o Saskatchewan Red Eye: Birra invece della vodka, solitamente nella proporzione di 50/50 con il succo di pomodoro.

Variazioni nel mixer

  • Bloody Bull: Brodo di carne e succo di pomodoro. Il drink nacque al ristorante Brennan’s a New Orleans ed è servito al Commander’s Palace come negli altri ristoranti affiliati alla famiglia Brennan.
  • Bull Shot: Brodo di carne al posto del succo di pomodoro. Può contenere sale, pepe o succo di limone, Tabasco e salsa Worcestershire.
  • CaesarBloody Caesar, o Clammy Mary: Il Clamato sostituisce il succo di pomodoro, ed è molto più popolare in Canada rispetto al cocktail tradizionale.
  • Bloody Eight or Eight Ball: Il succo di pomodoro viene sostituito dal V8, o da una mistura in parti uguali.

Variazioni nel formato del drink

  • Frozen Bloody Mary: Posizionato in un miscelatore con ghiaccio.
  • Flaming Bloody Mary: Una piccola quantità di rum 151 viene fatta galleggiare in alto e incendiata. Ideale per momenti freddi.
  • Flaming Frozen Bloody Mary: L’unione dei due cocktail precedenti.
  • Upside Down Bloody Mary: Chi deve bere il cocktail appoggia la sua testa al bancone dandogli le spalle. Il cocktail gli viene versato in bocca e lo mescola la stessa persona che lo beve, in bocca. È un metodo utilizzato per riprendersi da una sbornia.
  • Bloody Mary Jane: Marijuana con succo di pomodoro e un po’ di vodka, da lasciare stare in frigo per circa due ore. Tale composto viene utilizzato al posto del semplice succo di pomodoro in un Bloody Mary.

Varianti particolari

  • Bloodless Mary: Senza succo di pomodoro.
Seguici su