Ajo blanco

 

L’Ajo blanco (tradotto letteralmente in italiano “aglio bianco”) è una zuppa fredda molto famosa nella cucina andalusa, principalmente nelle città di Granada, Jaén, Cordoba, Malaga e Almeria e nella regione di Extremadura. È preparata con pane, mandorle schiacciate, aglio, olio d’oliva e acqua. 

Nel dopoguerra, in alcune zone, venivano usate farina di fagioli secchi, aglio, acqua, olio d’oliva, sale e talvolta aceto. Di solito è servita con uva, chips di melone, cetriolo, pera, foglie di basilico.

Questo piatto può aver avuto origine nella gastronomia romana o, più probabilmente, nella gastronomia greca. Si tratta comunque, senza ombra di dubbio, di un piatto della cucina povera.

E’ una valida alternativa del più famoso Gazpacho. E’ un piatto fresco, estivo, molto semplice e veloce da preparare. Potete servirlo anche in bicchierini da finger food, per un antipasto a buffet o per un aperitivo. Nella cucina spagnola viene infatti annoverato anche come Tapas, cioè piccoli antipasti.

 

Sagre e feste

La popolarità dell’ajoblanco è tale che è associata ad alcune sagre della regione.

  • Nel paese di Almáchar, (Malaga) c’è una sagra dedicata all’Ajoblanco che si celebra il primo sabato di settembre
  • Nel paese di Herrera del Duque, (Badajoz) si celebra una gara con l’ajoblanco durante la festa del 15 di agosto.

 

 

Ingredienti

per 4 persone

 

  • 100 gr mandorle crude
  • 100 gr mollica di pane
  • 2 spicchi d’aglio
  • 100 cl olio EVO
  • 1 l acqua
  • 1 cucchiaio di aceto 
  • sale q.b.

 

 

  • Eliminate la buccia delle mandorle introducendole in acqua bollente.
  • Mettetele in un recipiende fondo con sale e aglio e pestatele.
  • Aggiungete acqua fredda per evitare che le mandorle trasudino olio.
  • Aggiungete la mollica di pane e continuate a pestare.
  • Versate l’acqua rimanente.
  • Condite con olio, aceto e sale.
  • Per ottenere un risultato più cremoso ed omogeneo, utilizzate un frullatore ad immersione.
  • Servite e gustate il vostro Ajo blanco. Buon appetito!
Seguici su