Acquacotta marchigiana rivisitata

L’Acquacotta marchigiana  è una ricetta della tradizione, un piatto veramente povero, fatto più che altro del profumo delle erbe aromatiche, che servivano, in tempi di miseria, a gratificare se non lo stomaco, almeno l’olfatto. Nella mia famiglia, un mix di Lazio e Marche, veniva utilizzata la mentuccia, anche se io, per problemi di allergia, sono costretta ad usare altre erbe (vanno bene anche timo o salvia; attenzione all’utilizzo del timo: ha un aroma abbastanza forte e coprente). Nella versione più ricca, veniva preparata aggiungendo un uovo cotto nel brodo di preparazione, inserito in pentola quasi a fine cottura oppure aggiungendo un battuto di lardo, per preparare un soffritto di partenza che desse corposità e nutrienti.

Veniva mangiato generalmente a colazione. Io lo servo come piatto di apertura (mi piace aprire la cena con una zuppa o una vellutata).

Ingredienti

per 4 persone

  • 400 gr patate
  • 1 cipolla
  • 4 fette di pane raffermo
  • 1 spicchio aglio
  • panna o yogurt bianco intero q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • mentuccia q.b.
  • olio EVO q.b.
  • 200 gr pasta di pane già pronta

  • Lavate bene le patate sotto acqua fredda corrente, quindi pelatele e tagliatele a fettine.
  • Sbucciate la cipolla e riducetela ad anelli non troppo sottili. 
  • Versate le verdure in una pentola capiente, copritele di acqua, unite una presa di sale e portate a ebollizione.
  • Profumate la zuppa con le foglioline di mentuccia ben lavate e fate cuocere per circa 30 minuti, regolando di sale a fine cottura e insaporendo con una generosa macinata di pepe.
  • Immergete le fette di pane e lasciate che ammorbidiscano assorbendo la zuppa.
  • Su un piano infarinato, stendete la pasta di pane e ricavatene una sfoglia, che taglierete a strisce rettangolari tipo frappe.
  • Friggete i ritagli di pasta in abbondante olio di semi bollente, fino a doratura.
  • Ritirate il fritto e fate asciugare su una gratella o su carta assorbente.
  • Frullate la zuppa al mixer ed impiattate, aggiungendo un filo di olio e guarnendo con la sfoglia di pane croccante, un filo di panna (o yogurt) e le erbe aromatiche.
Seguici su