Pasta fresca all’uovo

Fare la pasta fresca all’uovo mi riporta alle estati trascorse nella casa di montagna, con nonni e zii. La mia bisnonna, una vecchina minuta e dai capelli corvini, nonostante l’età, nascondeva nelle esili braccia quel vigore necessario a trasformare due materie tanto umili in una gioia per il palato. La sua specialità erano le fettuccine, che venivano poi servite, specialmente dopo la mietitura, con prelibati ragù di carne. L’unica nota “negativa” era legata al fatto che la pasta avanzata seccava inesorabilmente. Come amava ripetere mio cugino: il primo giorno tagliatelle e poi un mese di quadrucci in brodo! 😀

  • 400 gr di farina
  • 4 uova
  • Sale q.b.

 

  • Mettete la farina a fontana sulla spianatoia.
  • Spolverizzatela tutt’intorno con un po’ di sale e rompete le uova al centro.
  • Sbattete leggermente le uova con una forchetta poi cominciate a raccogliere un po’ di farina dal centro della fontana.
  • Continuate a incorporare la farina nelle uova, prendendola dalle pareti della fontana, finché non avrete raccolto e incorporato la polvere con la parte liquida.
  • Quando l’impasto comincerà a prendere consistenza, lavoratelo a piene mani, tirandolo e sbattendolo sulla spianatoia ben infarinata.
  • Formate il panetto e fatelo riposare per mezz’ora.
  • Riprendete il panetto e stendetelo sulla spianatoia infarinata, facendo scorrere il matterello in tutte le direzioni.
  • Stendete la sfoglia sottile.
  • A questo punto la pasta fresca all’uovo è pronta per essere tagliata secondo le vostre esigenze.

 

Consigli utili

  • Usate la spianatoia, la ruvidità del legno viene trasferita alla pasta.
  • La proporzione tra uova e farina è di un uovo per 100 g di farina.
  • Evitate di lavorare tra correnti d’aria: la pasta secca più in fretta.
  • Lavorate l’impasto vigorosamente per dieci minuti, sbattendolo sulla spianatoia: risulterà più elastico.
Seguici su